Segui Yellow Robot Paint!

sabato 27 ottobre 2012

da Chaos a lealista Prima Parte 2°

Ben tornati su Yellow Robot Paint.

Piccolo e velocissimo update (doveroso) prima di buttar dentro la valigia i pupazzi per la domenica torneistica (oramai non ricordo più l'ultima domenica passata a dormire fino alla mezza).

Ho apportato alcune modifiche: i due comignoli sono spariti per due motivi: il primo è che la versione lealista non presenta quei comignoli, la seconda per un fattore di montaggio intrinseco al modello, che rendeva veramente arduo tutto l'assemblaggio.
Inoltre, per ricoprire tutte e due le canne, necessitavo di un numero alto di sigilli di purezza (idea originalmente espressa nel post precedente), che avrebbero forse reso pacchiano il modello, oltre ad avvicinarlo più ad un cappellano.
(più pacchiano di un Gk normale, si intende...)

Sono invece rimasti invece i due tubi del backpack ed un ulteriore piccolo comingolo (il destro) non necessario per inserire il servoteschio (l'altro ovviamente è sparito per far posto al libro GK.

Per quanto concerne il petto, ho deciso di lasciarlo così: il libro caratteristico GK era fuori misura e a rigor di logica sarebbe stato corretto invece, applicargli un simbolo dell'adeptus meccanicum, cosa che non potevo fare (ovviamente è possibile fare un free-hand).

La caratteristica è quella di non aver buttato le varie catene\servoarnesi vari che nella scatola caotica erano proiettati in alto.

Tramite l'utilizzo di una fonte di calore, dell'acqua e di molta pazienza, è possibile letteralmente invertire la direzione dei cavi, facendoli passare da una proiezione in alto, ad una sorta di "cavo trascinato" (l'idea originale era di non usare il modello per gioco, enfatizzando il trascinamento magari con una basetta più grande, da volante, "finemente" per enfatizzare proprio il trascinamento.

In diverse occasioni si è parlato del Finecast, e sinceramente questa esperienza mi da l'occasione per spezzarci una lancia: durante le prime "colate" la qualità si presentava bassa, decisamente bassa.

Con l'introduzione di nuovi stampi, ad hoc, come i nuovi cryptec, la qualità si è innalzata su livelli accettabili (non è accettabile parage 23 euro un singolo modello di fanteria, vabbè...).Ora non ne faccio tesoro, ma non sono MAI e MAI sarò un detrattore delle miniature in metallo\lega di stagno MA non sono mai stato e mai sarò un ESTIMATORE del metallo, per varie ragioni: la prima è la difficoltà di modifica, la seconda è la difficoltà di pittura e per ultima la difficoltà di assemblaggio: necessitare di materia verde\milliput\qualsiasi cosa vogliate per far combaciare due pezzi, la trovo snervante: soprattutto se poi la MW la si usa in altri ambiti (mantelli, cappelli etc etc).

Il finecast che di certo non pone fine a quest'ultimo problema, risolve però quello di trovarsi con un modello mono-posa: da quando è uscito il finecast ho avuto tra le mani circa un ventina di pezzi: circa la metà sono stati convertiti in modelli non finecast. Avere un Mephiston differente, un techmarine differente per me conta e di certo risponde alla lamentela del "la minia di metallo è brutta ma la devo giocare perchè quello è il personaggio che ho scelto": se il Warpsmith fosse stato in metallo, una modifica del genere sarebbe stata letteralmente impossibile da affrontare.

Tornando al topic principale, come potete vedere ho semplicemente fatto cadere ogni tipo di cavo verso il basso nella maniera più "naturale" possibile; ho aggiunto una spada potenziata (il techmarine ha quella come opzione) piuttosto dell'ascia base poichè risultava ad una seconda occhiata troppo caotica.

A questo punto, manca solo la pittura: non aspettatevi un classico schema color argento, uno stile banale e pacchiano, anche per questo blog.
Come e sempre solo sempre e solo per "Target Dummies!"

sabato 6 ottobre 2012

Ben Gentili + Chaos & Teckmarine rendento: da Chaos a lealista Prima Parte

Bentornati!
Mi scuso per la penuria di aggiornamenti; la vita preme e ritagliarsi 20 minuti per impaginare una qualsivoglia scemenza rimane difficile.
Posso sciolinare righe e righe del più e del meno, di come non riesca a trovar tempo regolarmente per aggiornare il blog, della crisi, dell'aumento del costo delle miniature (quelle GW), di come non risponda del perchè la Waaagh annunciata mesi orsono non si è fatta vedere, di dove sono i Samurai Zvezda etc etc.
Ma non lo farò, perchè la pigrizia è taaaaantissima e mi impedisce di dare una esaustiva risposta.
Anche se dopotutto, è una risposta.

(P.s. è colpa di WoW)

BANDO ALLE CIANCIE, passiamo alla parte modellistica, da quattro soldi, che oggi vi presento.

Parliamo subito del Chaos: il primo codex gw ad essere sputtanato via rete telematica ancor prima di entrare nei confini territoriali del proprio paese (XD).
Parliamo di cose serie: il codex chaos è vario.
Molte pagine, molte unità, molti equipaggiamenti significa solo una cosa.
Molte combinazioni molte liste.
Competitività? Che competitività? Torneo regionale? torneop casalingo? partita del sabato sera post birra?
Il codex chaos ha scelte di "fioretto", scelte maschie e scelte così così.
E' un buon codex? Si, dannatamente un buon codex.
E' un codex snutellato? no, non sembra.
Che kelly abbia ancora inanellato un codex di fino, capace di resistere nel tempo, tenendo testa a barattoli di crema e cioccolata di Ward?
Si.
C'è un perchè tra i codex più giocati e nello stesso tempo vecchi, vediamo SPESSO se non sempre, il nome di Kelly. (SW ed Ork).

L'aspetto grafico interno è gradevole, caratteristico come non mai (basta layout identico per ogni esercito): nota dolente è la serigrafia sulla copertina sembra più una pellicola incollata a caldo, ma vabbè.

L'altro aspetto sono i 39 SPLEURI che non convincono per il solo cambio di materiali (qualità overall migliore).

E vabbè.

PASSIAMO AL MODELLISMO vero e proprio.

Volete spendere 23 euro per il vostro teck marine lealista, ma non volete il resto? Siete vagamente masokisti al tal punto da preferire ad un collaudato teck in metallo (ancora acquistabile ai negozi GW), una alternativa in failcast? Volete spellarvi i polpastrelli con drimmer elettrici, ma non avete mai trovato la scusa per prenderlo in mano? Ecco qui una ottima alternativa: IL warpsmith del chaos (nuovo nuovo)

Pareri personali: è un modello semplice eppure molto ben curato nei particolari. Il modello viene venduto in scatola e questo rende ogni acquisto di resina Gw rischioso come giocare a roulette russa con una pistola a caricatore anzichè a tamburo.
Per fortuna il modello sembra studiato per la loro "resina", che ci crediate o meno i pezzi più oblunghi sono integri, quasi nessuna bolla, se non piccole bollicine comprensibili, linee di fusione un pò d'appertutto (ma ce lo si aspetta ovviamente), ma ottima resa dei dettagli caotici (che disgraziatamente andremmo a togliere).

Bene, iniziamo smontando tutti i nostri pezzi; la grande sfida stà nel rendere il meno caotica possibile l'armatura del nostro teckmarine.
Sicuramente i teschi faranno storcere il naso a molti vostri amici\visitatori\conoscenti\avversari, saranno i primi ad essere eliminati sen'zappello.
La cintura presenta un bruttissimo teschio, via anche quello così come il simbolo caotico sul pettorale.

Se avete bitz, idee alternative (ad esempio potreste prendere la caratteristica del pettorale degli SM assaltatori e riportarlo sul pettorale del teck) eliminate anche la bocchetta di areazione al centro del petto, poichè da sola limita molto la portata delle modifiche. Io ho optato per un via tutto.
I camini sono una scelta che mi rimane un pò ostica, credetemi: camino si o camino no?
Personalmente in fase pre-modifica volevo semplicemente riempire i teschi di MW liquida, ma non è un qualcosa che si possa fare con una ottima resa.
I camini sono stati dati in dotazione al cappellano dei DA di Oscura vendetta, quindi è lecito pensare che iliealisti possano tenere dei caminetti.
Il fatto è che i teckmarine non sarebbero proprio astartes veri e propri dei Capitoli ma una sorta di prestito dall'adeptus meccanicus.
Ultima cosa i tentacoli: chiaramente non lealisti, via via via; Davvero? personalmente ho deciso di tenerli perchè ho una idea che frulla in testa (c'è un motivo al titolo Parte 1), ovviamente via tutto quello che è caotico, spunzoni lungue chele etc etc.

 Lavorate con lo strumento che più vi aggrada: io ho utilizzato un trapanino elettrico (anzi trapanone...) con varie punte levigatrici\smerigliatrici di "precisione": i consigli che posso darvi sono sicuramente di utilizzare una punta piatta, o che presenti una superficie piatta: ci garantirà una levigazione omogenea, e la possibilità di creare scalini per rimuovere quelle fastidiose e caotiche personalizzazioni presenti nelle spalline nei gambali o nei più reconditi anfratti dell'armatura



Non è che sia un lavoro da fare con il solo ausilio del trapano, sia ben chiaro: limare particolari piccoli è un lavoro che il taglierino copre con notevole facilità, tuttavia scavare intere sezioni sinceramente risulta snervante con un taglierino: il trapano rende facile e veloce ad esempio azioni come queste qui sotto:


In poco tempo, e in relativa facilità si rimuove il teschio che stona come un occhio nero sul viso di vostra sorella, lasciando spazio all'immaginazione: essendo un teck Gk, ho adottato su questo spallino un bel libricino, mentre sull'altro ho utilizzato un "servoteschio", presente dentro la scatola dei termy, sempre gk.
Attenzione: rimuovendo il teschio vi giocherete la possiblità di inserire il relativo tentacolo: è possibile con un pochino di "rozzità" andare ad attaccare il tentacolo tra la spalla ed la miriade di cavi  del "mantello"

Ora non vi scandalizzate: i pezzi così messi non sono definitivi, grazie alle mirabolandi proprietà di un alchemico ingrediente, di nome Patafix, possiamo gesticolare con il modello per trovare alcune pose più interessanti (nell'immagine di sopra manca l'arma da fuoco, il warpsmith ha una pistola mentre il teck può avere un fucile requiem o anche un requiem d'assalto)

Qui ho deciso di eliminare parte dell'asta dell'ascia; si enfatizza la dimensione dell'arma rispetto alla lama: forse non è il miglior risultato ottenibile, si può fare di meglio (ad esempio raddrizzandola :P), ma sono gusti e l'esagerazione è sempre ben accetta.

Come potete vedere il camino ha una tendenza ad assottigliarsi alla base, questo è un errore della fase di lavorazione: state ATTENTISSIMI in quel punto a quanto tagliate; le superfici cilindriche sono assai complesse da trattare, consiglio un taglio relativamente grossolano, dopodichè andate a limare
con un pezzetto ci carta abrasiva con granula extra fine, e quando dico extra fine, intendo dire la metà della finezza di quello che il vostro negoziante vuole vendervi, una volta trovata la grana finissima sceglietene una ANCORA PIU' FINE e iniziate a smerigliare.
Avrete nelle migliori delle ipotesi un cilindro liscio e perfetto: ora abbellite come volete (io riempirò di sigilli di purezza).

Questo è tutto per la prima parte di questo bashing+modifica+pittura che mi terrà impegnato per un bel pò di ore.
Come e sempre solo sempre e solo per "Target Dummies!"